Warning: ksort() expects parameter 1 to be array, object given in /web/htdocs/www.asdwolfanddog.it/home/wp-content/plugins/bbpress/includes/core/template-functions.php on line 316
BENVENUTO - Wolf and Dog a.s.d.

BENVENUTO

C’era una volta un uomo, un cane e un legame indissolubile…

 

Immagine

…C’era una volta un uomo, bruttino, e più scimmia che uomo. Forse in un giorno, che trascorreva come tanti altri, avvenne un incontro: un incontro speciale, che sancì la nascita di un rapporto, ma che mai si pensava sarebbe potuto diventare così importante e duraturo.

Quel giorno perso nella notte dei tempi, si incontrarono due specie così diverse quanto vicine: l’ominide e il lupo.

Da questo incontro, inizialmente di certo pieno di paura e perplessità da entrambe le parti, pian piano si sviluppò sempre più un legame fondato sulla reciproca fiducia – e non di dominio di uno sull’altro – , una sorta di collaborazione. Il lupo metteva le sue doti naturali a disposizione dell’ominide; l’ominide contribuiva con la sua capacità intellettiva e manuale. Una squadra imbattibile, dalla quale entrambe le specie traevano dei vantaggi.

Accadde che l’apparato olfattivo dell’ominide, non rivestendo più un ruolo fondamentale per la caccia e il sostentamento, diminuì di volume a vantaggio di un maggior spazio per lo sviluppo del cervello; l’ominide poteva ora contare sulle abilità del lupo, per quanto riguarda l’olfatto di certo superiori alle sue. Tuttavia fu questo cambiamento che con molta probabilità determinò – anche se fortunatamente non per tutti gli uomini – uno squilibrio in questo rapporto: l’intelligenza portò con sé degli effetti collaterali chiamati avarizia, smania di dominare… Di conseguenza l’uomo iniziò a sopraffare e assoggettare il lupo, e poi tutti gli altri esseri viventi, per raggiungere i suoi scopi.

Il lupo nel tempo si trasformò in cane e la scimmia in uomo. L’uomo allevò il cane per raggiungere i suoi scopi: dalla caccia, alla pastorizia, alla guardia, ai combattimenti, al puro divertimento.

Ora l’uomo tecnologico ha dimenticato l’antica amicizia, ma ancora oggi in piccole realtà resiste… Ancora oggi i cani ci aiutano nonostante tutto, fungendo da animali da compagnia, cani guida, da soccorso, da pet-therapy.

E noi cosa facciamo per loro, per ringraziarli per la loro lealtà millenaria? A volte ci dimentichiamo di questo, della loro fedeltà, e li rinchiudiamo in gabbia, li abbandoniamo, li umanizziamo, li picchiamo, li trattiamo come fossero oggetti o peluche, li riponiamo nelle borsette, o li usiamo come veicoli per raggiungere ambiti premi di bellezza o sportivi… solo ed esclusivamente per il nostro interesse, seguendo mode e stereotipi ricevuti.

Ora è giunto il momento di dare oltre che ricevere, di capire oltre che pretendere!

 

Luca Vettore